lunedì 22 gennaio 2018

L'equilibrio cosmico tra l'uomo e la natura

"L'universo si percepisce attraverso i nostri occhi. Attraverso le nostre orecchie, l'universo sta ascoltando le sue armonie. Noi siamo i testimoni attraverso i quali l'universo diventa consapevole della sua gloria, della sua magnificenza." - Alan Watts


"Non sei nell'universo, SEI l'universo, sei una parte intrinseca di esso. Alla fine non sei una persona, ma un punto focale in cui l'universo sta diventando consapevole di se stesso. Che miracolo incredibile." - Eckhart Tolle

La nostra responsabilità fin dalla creazione 

L'antica saggezza delle prime tribù affermava che gli esseri umani sono stati creati per essere i custodi della Terra, cosi come viene espresso anche dalla Bibbia nel libro della Genesi.

Siamo stati collocati qui, su questo pianeta per prenderci cura delle sue piante e degli animali, per proteggere la sua bellezza naturale, per mostrare rispetto e gratitudine per tutta l'abbondanza che la Terra ci offre ogni giorno. 
Gli scienziati stanno scoprendo ora che tutto nell'Universo vibra a varie frequenze. Questo sistema vibrazionale include anche gli esseri umani. 
Pensa al tuo battito cardiaco, al tuo respiro, ai tuoi cicli di veglia e sonno. Queste sono tutte espressioni vibrazionali. 
Tutte le cose vibrano, ognuna in modo diverso, quindi potremmo non essere in grado di percepire le vibrazioni di una roccia o di un albero con la stessa facilità con cui possiamo percepire i ritmi naturali di altre creature più simili e affini a noi: il battito cardiaco di un cane, il ritmo di un cavallo al galoppo, il brusio di un'ape.
L'antica saggezza riscoperta oggi da molte persone testimonia che anche oggetti inanimati hanno una propria energia vibrazionale. 
Persino le scoperte scientifiche moderne, come la teoria delle superstringhe, supportano l'idea che le vibrazioni siano al centro di tutta l'esistenza. 
Le vibrazioni esistono, ma nella cultura moderna non ci viene insegnato come affinare i sensi che possono rilevare questo tipo di energia. E così per la maggior parte di noi questa possibilità di relazione  passa inosservata. 
Ma se ci fermiamo e cominciamo ad "ascoltare" ed "osservare", possiamo iniziare a riconoscere il flusso e riflusso del mondo naturale intorno a noi.
Fiori che si aprono e si chiudono, cicli di nascita e morte, maree, migrazione degli uccelli, modelli meteorologici che vanno dal sole alla pioggia e al ritorno al sole, le stagioni, l'orbita della Terra attorno al Sole, persino l'espansione e la contrazione dell'universo, tutte queste sono vibrazioni, su varie scale, dalle più piccole alle più grandi. 
Arkan Lushwala, nel suo libro The Time of the Black Jaguar , afferma: 

[L'umanità è stata creata] con la missione di prendersi cura del resto della Creazione attraverso il potere del loro cuore e la loro capacità di produrre vibrazioni raffinate. (...) 

Mantenere vivo questo ricordo nel proprio cuore e ricondurlo a tutte le vite è diventato il nostro dono, la nostra missione e il fondamento di un bellissimo modo di vivere.
Agli umani è stata data la responsabilità di tutte le vibrazioni sulla Terra. E' stato nostro onore e compito mantenere letteralmente l'Universo in sintonia con la propria forza vitale essenziale. 

Come i nostri antenati si sono presi cura dell'universo 

Gli antichi esseri umani sentivano un'ardente responsabilità nel mostrare rispetto, onore e gratitudine verso la Natura, l'Universo e la Madre Terra che ha donato loro la vita. 
E così, hanno creato rituali che comprendono canti, balli, l'accensione di fuochi rituali e diversi tipi di preghiere e invocazioni. Queste attività hanno accresciuto la frequenza  vibrazione della Terra e di tutta le forme di vita. 
Le loro azioni, portate avanti con grande amore e gratitudine nei loro cuori, hanno rafforzato la vitalità della natura intorno a loro.
A loro volta, la Terra e l'Universo proteggevano e sostenevano gli umani, condividendo con loro la grande abbondanza dell'esistenza. 

"Era comunemente noto agli antichi che le vibrazioni ad alta frequenza attivano la coscienza, nutrono ciò che è affamato o debole, guariscono ciò che è malato e invitano nelle forze più luminose della Natura." - Arkan Lushwala 

Alcune antiche culture hanno anche espresso questa consapevolezza nei loro edifici. 
Gli antichi egizi costruirono imponenti edifici, come le piramidi, la cui costruzione era praticamente impossibile in base alla tecnologia del loro tempo. 
Questi edifici erano allineati con le costellazioni e prendevano l'energia dalla luce splendente del sole .
Lushwala teorizza che gli umani che progettarono le piramidi egizie e gli antichi templi in Guatemala, Perù, Messico e in altri luoghi stavano creando "specchi sacri per produrre e condividere liberamente vibrazioni ad alta frequenza". 

"Hanno costruito un mondo sulla Terra che era come uno specchio dove la danza cosmica poteva riflettersi e risuonare e dove tutti gli esseri potevano ricevere il nutrimento di questa vibrazione. " - Arkan Lushwala

E così, sappiamo dalla saggezza di questa gente che visse migliaia di anni fa, che noi come esseri umani sulla Terra, condividiamo una responsabilità intrinseca per proteggere e prenderci cura della Terra. 

Stiamo fallendo come custodi

Ma oggi, a causa di un'economia globale guidata dalla ricchezza e dall'avidità, gli umani stanno distruggendo l'ambiente e con esso l'equilibrio naturale del "dare e prendere" tra l'uomo e la natura. 
Generalmente, in tutto il mondo, stiamo prendendo dalla Terra molto più di quanto stiamo restituendo a Lei attraverso il rispetto e l'amore. 
Allo stesso tempo, le culture indigene del mondo - i gruppi che detengono l'antica saggezza e in molti casi praticano ancora gli antichi rituali di guarigione che sono così disperatamente necessari - stanno scomparendo. 
Ad esempio, il National Geographic afferma che il 20% della foresta pluviale amazzonica è stato spogliata negli ultimi 40 anni, e un altro 20% potrebbe andare perduto nei prossimi 20 anni.
Le aree che vengono saccheggiate comprendono il territorio ancestrale di molte tribù indigene che dipendono interamente dall'ambiente circostante per il loro cibo, l'acqua, le medicine naturali e il benessere generale. 
Poiché queste persone sono sempre più minacciate, le loro popolazioni si assottigliano e le loro tradizioni s'intorbidiscono quando vengono contaminate con la modernità. 
E mentre le generazioni più anziane si estinguono, le antiche conoscenze vengono perse e abbandonate.

Gli antichi modi di cantare e ballare per onorare la Terra

Cosa succede quando questi importanti rituali vengono persi? Qual è l'effetto sull'universo quando vengono lasciate sempre meno persone che conoscono gli antichi modi di cantare e danzare per onorare il terreno su cui camminiamo e gli animali e le piante che forniscono il nostro nutrimento? 
Questo cambiamento è la causa di ciò che sta accadendo alla Terra ora? Arkan dice che: 

"Quando dimentichi di nutrire le forme di vita che ci nutrono, tutto si decompone e perde il suo splendore."

L'umanità ha consumato milioni di tonnellate di risorse del pianeta negli ultimi decenni. Non esiste alcuna pratica o tradizione coerente utilizzata per compensare la Terra per tutto ciò che viene preso da lei. 
Cosa possiamo fare per riconnetterci con la Terra e ripristinare l'antica vibrazione, per ridare forza al nostro mondo quando ormai le persone hanno già preso così tanto? 
Perché se riusciamo a trovare un modo per restituire alla Terra, allora avremo sicuramente più abbondanza da condividere, e gli umani potranno vivere in una maggiore prosperità (ricchezza di mente, corpo e cuore) invece di essere coinvolti in guerre infinite, avidità e paure.

La nostra responsabilità oggi 

L'attivismo evolutivo è un movimento in ascesa basato sull'idea che noi, come esseri umani, siamo consapevoli dell'evoluzione e del nostro posto nel circolo della vita. Noi siamo l'universo che diventa consapevole di se stesso.

L'antica saggezza ci dice che eravamo destinati a essere custodi della Terra, e così la nostra coscienza ci indirizza verso una straordinaria responsabilità nel creare un mondo migliore per tutti gli esseri. 

Bill Twist, co-fondatore e direttore esecutivo della Pachamama Alliance, facendo riferimento al defunto ecoteologo Thomas Berry afferma: 

"Thomas Berry afferma che il grande lavoro che stiamo affrontando in questo momento di evoluzione è che la nostra specie faccia la transizione dall'essere una distruttiva presenza sul pianeta a un rapporto Uomo-Terra che migliora reciprocamente..."

"... Per creare una nuova relazione Uomo-Terra che migliori reciprocamente, sarà necessaria un'enorme audacia, una grande forza, un forte impegno."

Oggi in tutto il mondo, i gruppi che sostengono un cambiamento sociale  stanno già avendo un impatto significativo sul nostro mondo. 
Movimenti come Buen Vivir e Deep Ecology anelano ad un cambiamento dall'attuale paradigma materialista a quello del rispetto per la natura; un allontanamento dal consumismo verso una visione più olistica della vita. 
Ognuno di noi è chiamato a svolgere il proprio ruolo, in base al proprio talento, le proprie conoscenze e una passione profonda e sincera per la causa. Per rendere il nostro mondo prospero, giusto e sostenibile.
Iniziando questa lotta otterremo una nuova prospettiva riguardo il tuo posto nel mondo, e con l'impegno e la responsabilità collettiva svolgeremo il nostro ruolo nel plasmare l'evoluzione della vita sulla Terra.

1 commento:

  1. Salve Francesco, il tema principale dell'articolo mi pare di aver capito che sia aiutare la nostra Madre Terra a sopravvivere; siamo sulle stesse frequenze!
    Grazie!

    RispondiElimina