lunedì 24 aprile 2017

Il sistema del potere

Il Sistema, la Matrix, la Struttura, qualunque sia il nome che preferiate, sembra mantenere la propria forza qualsiasi cosa accada. I politici ed i governi cambiano, si susseguono le classi dirigenti, ma il sistema rimane perfettamente stabile. In molti casi, i politici sono solo delle marionette nelle mani di lobby, corporazioni e banchieri, ossia di chi detiene il vero potere e detta gli ordini del giorno (ad esempio Agenda 21, Agenda 2030, il Nuovo Ordine Mondiale) e finiscono poi nel dimenticatoio, non senza prima aver lasciato un eredità composta da leggi, norme e regolamenti che strangolano ulteriormente la nostra libertà. 
Vi siete mai chiesti perché nulla cambia realmente, nonostante l'alternanza al governo di fazioni, partiti e movimenti? Il motivo è che non importa per chi si vota, chi detta le regole del gioco ottiene sempre la vittoria. Sta diventando ampiamente noto che tutto è gestito dallo "Stato nascosto", non eletto da nessuno, una sorta di governo parallelo o Governo Ombra. Le elezioni servono solo a dare al popolo l'illusione della democrazia. 
Perché il sistema continua a perpetuarsi? Le ragioni si trovano dentro di noi, nella nostra psicologia. I nostri atteggiamenti mentali inconsci e le credenze che ci vengono inculcate danno forma al mondo. Per detronizzare il tiranno è necessario rimuoverlo prima dalla nostra mente. Abbiamo bisogno di iniziare a cambiare il modo di pensare se vogliamo veramente la transizione da una società basata sulla forza governativa monopolistica ad una basata sullo scambio volontario e libera associazione. 

I 3 motivi più importanti per cui il sistema mantiene la sua forza:

1) Il sistema viene rispettato in cambio di una ricompensa promessa

I metodi di sfruttamento dei lavoratori e i modelli finanziari, come l'intero sistema monetario e il signoraggio bancario, riescono a proteggersi astutamente cercando di attirare dalla propria parte le persone che mettono in discussione questi metodi. 
Per esempio, le persone che fanno parte di gerarchie rigide (come i militari) sono incoraggiati ad accettare disagi, privazioni e prevaricazioni quando si arruolano, perché sanno che presto avanzeranno di grado e potranno quindi godere dei benefici del sistema. 

Questa logica serve solo a giustificare la brutalità di alcuni atteggiamenti.
Un altro esempio è quello di alcune ricche scuole private, dove i dirigenti scolastici hanno istituito una struttura di “prefetti”. In pratica agli studenti selezionati sono dati più privilegi e potere rispetto agli altri compagni. Questo sistema è accettato perché la maggior parte degli studenti sono ingannevolmente portati a sperare che anche loro un giorno verranno selezionati e potranno esercitare il potere. In questo modo sono invogliati a mantenere lo status quo piuttosto che provare a cambiare l'ordinamento.
Il sistema è impostato per far sì che alcune persone arrivino ad avere più potere su altre, e illudere quest'ultime a credere che il sistema sia giusto, dicendo loro che se sono forti, intelligenti, belli e fortunati, saranno quelli selezionati a salire la gerarchia sociale che permetterà loro di avere potere sugli altri.
Coloro che accettano l'ordine prestabilito sanno tuttavia che si tratta di un'impossibilità matematica l'idea che tutti possano raggiungere il top. E' come l'utopia del capitalismo americano che affermava che il mondo non era diviso in ricchi e poveri, ma solo diviso in ricchi e “quelli che stanno per diventare ricchi”. Le persone sono portate ad accettare un regime ingiusto solo perché pensano che, un giorno, saliranno al di sopra di esso. Inoltre, anche se tutti avessero la possibilità di “arrivare al top”, non è giusto soffrire ed essere sfruttato solo perché un giorno sarai tu lo sfruttatore.
Questo è il classico ciclo vittima-carnefice dove la vittima di ieri diventa il carnefice di oggi.
L'illustre fisico di origini ebraiche Albert Einstein ha riconosciuto questo concetto quando ha scritto quanto segue a proposito della visita imminente di Menachim Begin (ex primo ministro israeliano, guerrafondaio e fondatore del Partito Likud) negli Stati Uniti nel 1948: “Tra i fenomeni politici più inquietanti del nostro tempo è l'emergere nello stato d'Israele, di recente creazione, del "Partito della Libertà" (Tnuat Haherut), un partito politico strettamente affine nella sua organizzazione, nei metodi, nella filosofia politica ai partiti nazisti e fascisti“. Albert Einstein, 4 Dicembre 1948. 

Mi viene in mente una citazione attribuita alla famiglia Rothschild, che riassume perfettamente il modo in cui hanno attuato il loro sistema monetario fraudolento (riserva frazionaria) grazie al quale sono diventati la famiglia più ricca del mondo:
I pochi che capiranno il sistema, o saranno così interessati dall'usarlo per il proprio interesse o saranno così dipendenti da suoi favori, che non ci sarà alcuna opposizione da quelli”.
Quindi, in altre parole, se tutti capiscono la natura di un regime sbagliato, questo non può continuare ad esistere; se invece solo una quantità relativamente piccola comprende la natura di un regime sbagliato, quelli possono essere "acquistati" (corrotti o ricattati) per diminuire la resistenza ad esso. 

2) La fiducia nelle autorità (L'Anello del Potere)

Il sistema può perpetuarsi solo se le persone sono d'accordo nel sostenerlo. 
I rappresentanti delle istituzioni dicono: “Continuate a sostenere l'apparato statale, soffrite per un breve periodo, ben presto arriverà una situazione migliore”. 
Le persone sono d'accordo con questa imposizione perché nel profondo della loro psiche hanno l'idea che qualcuno o qualcosa al di fuori di sé ha il diritto di governarli. In altre parole, essi nutrono una fiducia profonda nell'autorità. Il sistema si basa assolutamente e completamente sulla fiducia nell'autorità, un autorità che è simile all'Anello del Potere ne "Il Signore degli Anelli". Essi credono che sia necessario avere una classe dirigente, e quasi sempre, che a questa classe dirigente sia consentito avere privilegi, diritti e poteri (tra cui l'esenzione dalle normali leggi morali) che la gente comune non è autorizzata ad avere. Il noto anarchico Larken Rose spiega questo punto splendidamente in un discorso dal titolo “una cosa così piccola”, dove disegna un'analogia tra la fiducia cieca nell'autorità e l'Anello del Potere nella saga "Il Signore degli Anelli". 
Egli mette in evidenza come l'intera potenza del sistema, con tutte le sue armi, le leggi e i mezzi di sorveglianza, è imperniato sulla convinzione diffusa dei suoi sudditi che il governo ha il diritto di governare su di loro. Senza questa convinzione, il governo crollerebbe, perché nessuno eseguirebbe, rispetterebbe e obbedirebbe ai suoi decreti. 
Ciò che sembra così potente in realtà dipende da una (piccola) convinzione, una cosa così piccola, una convinzione che è in realtà una menzogna, poiché nessuno ha l'autorità per governarvi proprio come nessuno ha l'autorità per governare chiunque altro. 
Larken spiega di come l'Anello del Potere ha corrotto sempre chi l'ha posseduto. Questa è un'analogia brillante, evidentemente l'autore del romanzo, J.R.R. Tolkien, ha voluto esprimere che l'intero concetto dell'Anello del Potere (il diritto di governare) è fatalmente malvagio. 
Non importa che qualcuno fosse in buona fede, non importa se hanno pensato che avrebbero utilizzato l'Anello per il bene, una volta che ne sono entrati in contatto, sono diventati malvagi. L'anello ha un solo padrone, il male, incarnato da Sauron. Il buon mago Gandalf fu abbastanza saggio da riconoscere questo, e perciò ha rifiutato di prendere l'anello, perché sapeva che avrebbe potuto corromperlo. 
Persino gli umili hobbit (che non avevano l'ambizione di governare su nessuno), che sembravano gli unici a poter resistere al fascino dell'Anello, ne sono stati soggiogati (prima Bilbo e poi Frodo). Un altro aspetto sorprendente di questa analogia è che l'Anello poteva essere distrutto solo se portato nel luogo dove era stato forgiato. 
Forse questo sta a significare che dobbiamo scavare dentro di noi e “distruggere” i nostri falsi dogmi e le percezioni distorte circa l'autorità, la realtà e il mondo.


3) Dissonanza cognitiva

Si tratta di un principio morale comune che due torti non fanno una ragione, o per dirla in altro modo, che il fine non giustifica i mezzi. 
Molte persone dicono di credere in questo principio, ma affermano anche di credere nello statalismo (cioè l'autorità, in una classe dirigente e la legittimità del governo). 
V'è una contraddizione in questo, perché il governo agisce con la forza e rivendica il diritto morale di fare ciò che la gente comune non può moralmente fare. Il governo funziona regolarmente, costringendo le persone a fare alcune cose (cioè pagare le tasse), che è una forma di furto legalizzato, per fornire servizi e prestazioni per gli altri. Il furto può giustificare la generosità? Può il fine giustificare i mezzi? 
Questo è un esempio di dissonanza cognitiva, dove le persone hanno due visioni opposte simultaneamente che si contraddicono reciprocamente. Il sistema dipende dalla nostra dissonanza cognitiva Il filosofo Socrate era famoso per la sua capacità di suscitare opinioni opposte per  far uscire allo scoperto le contraddizioni  durante le discussioni. Alcune persone dell'èlite dell'epoca non hanno gradito che i giovani fossero istruiti tramite il metodo socratico, e il grande pensatore  venne perciò avvelenato. 
La verità è che, quando si guarda da vicino, l'autorità politica non regge ad un attento esame. Non c'è davvero niente che giustifichi la legittimità del governo, indipendentemente dal fatto che si tenti di utilizzare gli argomenti del contratto sociale, del consenso implicito, del consenso della maggioranza o del consequenzialismo . 
Nessuno di loro regge. La scomoda verità è che siamo nati in un ordine oligarchico in cui la classe dirigente è semplicemente la banda più forte o più furba che detiene il monopolio in merito all'uso della violenza in una determinata area geografica. 

In conclusione 

La fiducia nell'autorità è il fulcro su cui poggia il governo. Rimuovere questo significa rimuovere l'ultimo tentativo da parte del governo di rivendicare il proprio potere. Sappiamo già che è moralmente, razionalmente e logicamente impossibile dimostrare la legittimità di un governo. 
Eppure, senza un approfondito esame di una credenza, è facile ritrovarsi a percorrere un esistenza di dissonanze cognitive e contraddizioni irrisolte. 
La maggior parte delle persone non solo accettano di farsi comandare ma si comportano come tifosi di questa tirannia, vittime inconsapevoli della Sindrome di Stoccolma.
Credono nell'Anello del Potere, perché pensano che può essere utilizzato per il bene, o pensano che il loro leader o il loro partito possono, una volta andati al potere, cambiare il mondo nel modo che vogliono, anche se questo significa necessariamente consegnare poteri quasi divini ai politici. 
Il punto è che un rapporto coercitivo padrone-schiavo  è disfunzionale e co-dipendente . Non si può avere l'uno senza l'altro. Si tratta di una polarità energica. Modificare un polo significa trasformare (ed eliminare) l'intero rapporto. 
E' necessario svegliarsi per comprendere finalmente l'inutilità di sostenere questo sistema iniquo. Bisogna detronizzare il tiranno interno prima di detronizzare il tiranno esterno. 
L'anarchia non significa caos. L'anarchia significa organizzazione e cooperazione, senza coercizione, confidando che gli impulsi volontari dell'umanità ci condurranno a vivere in modo armonioso. E' fondamentale dimenticare l'indottrinamento e l'idea di avere governanti, per poi iniziare ad immaginare un mondo senza padroni e schiavi, in cui tutti sono uguali, e dove è richiesto a tutti di agire in modo responsabile e consapevole, in modo da ridurre ed eliminare la necessità della classe dirigente parassitaria.

giovedì 20 aprile 2017

Tesla e il segreto dei numeri

Nikola Tesla nel corso della sua vita ha svolto innumerevoli esperimenti misteriosi. Quasi tutte le menti geniali hanno una certa ossessione verso i numeri. Nikola Tesla era notevolmente fissato sui numeri. Ad esempio ha vissuto solo in camere d'albergo con un numero che fosse divisibile per 3. Alcuni dicono che Tesla era ossessivo compulsivo, altri dicono che era solo molto superstizioso. Tuttavia la verità è molto più profonda.
“Se tu conoscessi la magnificenza del tre, del sei e del nove, potresti avere la chiave per l'universo”  -  Nikola Tesla
La sua ossessione non era semplicemente con i numeri in generale, ma soprattutto con questi numeri: 3, 6, 9.
Tesla ha affermato che questi numeri sono estremamente importanti ma nessuno l'ha ascoltato seriamente. Ha anche calcolato i punti nodali attorno al pianeta legato ai numeri tre, sei e nove.

Ma perché proprio questi numeri?

In primo luogo, dobbiamo capire che non abbiamo creato la matematica, l'abbiamo solo scoperta. La matematica rappresenta il linguaggio e la legge universale. Non importa dove ci si trova nell'Universo, tutto nell'universo obbedisce a questa legge..
Ci sono modelli standard che si trovano naturalmente in tutto l'Universo. I modelli che abbiamo scoperto nella vita biologica, le galassie, le formazioni di stelle, l'evoluzione, e quasi tutti i sistemi naturali. Alcuni di questi modelli fondamentali sono la sezione aurea e la geometria sacra.
Sono sistemi veramente importanti a cui la natura sembra obbedire. Un altro modello è quello che parte dal numero uno e continua raddoppiando progressivamente. Cellule ed embrioni sembrano svilupparsi seguendo questo modello sacro: 1, 2, 4, 8, 16, 32, 64, 128, 256...

Alcuni scienziati chiamano questi schemi "Il progetto di Dio".
In questo modello matematico  c'è una sequenza che si ripete: 1, 2, 4, 8, 7, e 5, e così via 1, 2, 4, 8, 7, 5, 1, 2, 4, 8, 7, 5, 1, 2, 4...
Come potete vedere 3, 6 e 9 non sono presenti in questo schema. Lo scienziato Marko Rodin ritiene che questi numeri rappresentano un vettore dalla terza alla quarta dimensione che chiama “campo di flusso.” Questo campo dovrebbe essere un'energia di dimensione superiore che influenza il circuito energetico degli altri sei punti.
Randy Powell, uno studente di Marko Rodin dice che questa è la chiave segreta per l'energia libera, cosa che Tesla ha teorizzato.

Partiamo da 1, raddoppiato è 2; 2 raddoppiato è 4; 4 raddoppiato è 8; 8 raddoppiato è 16, che significa 1 + 6 che è uguale a 7; 16 raddoppiato è 32 con conseguente 3 + 2 che è uguale a 5; 32 raddoppiato è 64 (6 + 4 uguale a 10), con conseguente totale di 1; Se continuiamo seguendo lo stesso schema manterremo la sequenza: 1, 2, 4, 8, 7, 5, 1, 2...
Se si parte da 1 a rovescio otterremo comunque lo stesso modello solo al contrario: Metà di 1 è 0,5 (0 + 5) pari 5. Metà di 5 è 2,5 (2 + 5) pari a 7, e così via.
Come si può vedere non v'è alcuna menzione di 3, 6 e 9. E 'come se fossero al di là di questo modello, liberi da esso.
Tuttavia, c'è qualcosa di strano una volta che si avvia il raddoppio di questi numeri. 3 raddoppiato è 6; 6 raddoppiato è 12 che porterebbe a 3 (1 + 2); in questo schema non si fa menzione di 9. E' come 9 è al di là di tutto, completamente libero da entrambi i modelli.
Ma se si avvia il raddoppio 9 darà sempre come risultato 9: 18, 36, 72, 144, 288, 576...
Questo è anche chiamato "simbolo di illuminazione".
Troviamo un sacco di prove che la natura usa una triplice simmetria di multipli di sei, tra cui la forma delle mattonelle esagonali dei nidi d'ape.
Queste forme esistono in natura e gli antichi emulavano queste geometrie nella costruzione della loro architettura sacra.
E' possibile che ci sia qualcosa di speciale e misterioso nel numero 3. E' possibile che Tesla ha scoperto questo segreto ed ha usato questa conoscenza per andare oltre i confini della scienza e della tecnologia nei suoi vari esperimenti.

La magnificenza del numero 9

Ipotizziamo che ci siano 2 opposti, li chiamiamo luce e buio, se vogliamo. Sono come i poli opposti, positivo e negativo, di un magnete.
Un lato è rappresentato dai numeri 1, 2 e 4; l'altro lato dai numeri 8, 7 e 5; Proprio come l'elettricità, tutto nell'universo è un flusso tra questi due opposti polari, come un pendolo oscillante: 1, 2, 4, 8, 7, 5, 1, 2... (e se si immagina il movimento è qualcosa di simile al simbolo dell'infinito).
Tuttavia, questi due lati sono governati da 3 e 6; 3 governa 1, 2, e 4, mentre 6 governa 8, 7, e 5; e se si guarda da vicino il modello diventa ancora più complicato: 1 e 2 è uguale a 3; 2 e 4 uguale 6; 4 e 8 è uguale a 3 (4 + 8 = 12; 1 + 2 = 3); 8 e 7 uguale 6; 7 e 5 è uguale a 3; 5 e 1 è uguale a 6; 1 e 2 è uguale a 3...
Lo stesso modello su una scala più elevata è in realtà 3, 6, 3, 6, 3, 6...
Ma anche questi due lati, 3 e 6 sono governati da 9 che mostra qualcosa di spettacolare.
Guardando da vicino il modello 3 e 6 ci si rende conto che  3 e 6 è uguale a 9, 6 e 3 è uguale a 9, tutti i numeri insieme equivalgono 9, in entrambe le direzioni.
Ciò significa che 9 è l'unità di entrambi i lati, 9 è l'universo stesso.


La vibrazione, l'energia e la frequenza

“Se si vogliono trovare i segreti dell'universo, è necessario pensare in termini di energia, di frequenza e vibrazione” - Nikola Tesla
C'è una verità più profonda filosofica in questo. Provate a immaginare che cosa possiamo realizzare se applichiamo questa conoscenza sacra nella scienza di tutti i giorni.
“La scienza il giorno che comincerà a studiare i fenomeni non-fisici, farà più progressi in un decennio che in tutte i precedenti secoli della sua esistenza”  - Nikola Tesla

mercoledì 19 aprile 2017

I sintomi del cambiamento

Per chi percorre il cammino della consapevolezza la strada è sempre dura e irta di ostacoli. Vi siete mai chiesti il motivo per cui spesso vi capita di sentirvi stanchi, esauriti, irritabili, tristi,soli, arrabbiati, frustrati, senza un motivo apparente? Oppure perché vi comportate in certi modi, o avvertite sensazioni strane, che non sembrano rispecchiare il vostro modo di essere, o che semplicemente non hanno alcun senso? Vi capita di notare che le persone attorno a voi stanno reagendo in modo diverso nei vostri confronti? Alcuni sembrano più felici che mai quando sono insieme a voi, oppure avviene l'esatto contrario, sono arrabbiati con voi per nessun motivo apparente.
A volte può capitare che durante un giorno normale vi sentite come se non riusciste a tenere gli occhi aperti. La vita a volte vi sembra vuota e senza senso, anche quando state facendo le cose che ritenete importante.
Questi sono i sintomi che molti avvertono durante il loro percorso di consapevolezza e di ascensione spirituale.
La cosa principale da sapere è che non si è soli, e che sono sensazioni transitorie. Per quelle persone che sono già state coinvolte in questo processo, queste esperienze fisiche ed emotive sono fin troppo familiari.
Di fronte a queste esperienze insolite e indesiderate, la prima cosa che di solito vogliamo sapere è il perché ciò accade.

Perché accadono queste cose?

Vi sarà capitato di sentir parlare di concetti come il cambio di frequenza vibrazionale e la trasformazione spirituale.
E avrete certamente sentito che alcune parti del nostro DNA "spazzatura" vengono riattivate inspiegabilmente e che l'attivazione della ghiandola pineale produce cambiamenti in tutto l'organismo.
Questi concetti sono reali, tanto che anche la scienza ufficiale comincia ad interessarsene.

Ecco alcuni dei sintomi comuni dovuti al cambiamento di frequenza:

Sensazione di sentirsi stressati e in balia di un intensa energia 

Questa è una delle prime sensazioni che una persona di solito avverte. In principio, quando si manifestano i cambiamenti energetici, portano con sé nuove vibrazioni più elevate.
I vecchi schemi comportamentali vengono spinti verso la superficie emozionale per poi essere rilasciati. La sensazione di tutta questa pressione dentro di sé può farti sentire sotto stress e in preda ad un sovraccarico di energie, come se il sangue ribollisse nelle vene. Se provate a resistere al cambiamento questa energia può davvero raggiungere picchi altissimi e causare squilibri.

Depressione

Questo sintomo è sicuramente tra quelli più ampiamente sperimentati. Il processo di ascensione spirituale elimina le energie negative presenti in noi, questo processo non è breve, occorre un bel pò di tempo per completarlo.
Possiamo sentire che il mondo esterno non è allineato con il nostro nuovo più alto stato vibrazione.

Ansia, panico e sentimenti di isteria

Quando il nostro ego comincia a diradarsi, la lotta interna si fa sempre più dura perché il nostro "io" con i suoi dogmi e schemi tenta di sopravvivere, si viene cosi a creare un conflitto interiore. 
Il sistema nervoso è in sovraccarico e spesso si va in iperventilazione. Accadono cose al nostro corpo che non si è in grado di capire.
State anche perdendo i modelli di comportamento di una vibrazione più bassa che si sono sviluppati per la sopravvivenza nella realtà tridimensionale. Questo può farvi sentire vulnerabili e impotenti.
I sintomi di ansia e panico sono simili a quelli che si sperimentano quando si è prossimi alla morte, in quei momenti siamo presi dal panico e ansia perché non sappiamo cosa accadrà dopo.

Bisogno improvviso di mangiare come se avessimo attacchi dovuti al basso livello di zucchero nel sangue

Questo è un altro dei sintomi che molti sperimentano. I nostri corpi stanno utilizzando una quantità incredibile di energia per questo processo di trasformazione.
Ciò avviene perché veniamo letteralmente sconvolti anche fisicamente, ogni tipo di energia che abbiamo viene utilizzata. La cosa migliore è mangiare cibi ricchi di proteine e povere di zucchero, oltre ovviamente a frutta e verdure e cereali.
Questi momenti di basso livello di zucchero nel sangue avvengono spesso.

Dolori insoliti in diverse parti del corpo

I dolori si manifestano un pò ovunque, questo è un segno di purificazione e di rilascio di energie bloccate, che vibrano ad un livello più basso mentre altre parti di noi stanno vibrando ad un livello superiore.
Si può sentire dolore in varie parti del corpo per diverse settimane che in seguito spariranno semplicemente senza alcuna spiegazione.

Collo rigido e parte superiore della schiena dolorante

La spina dorsale è dove si incanala l'energia della Kundalini, questa energia vibra in modo diverso e più intensamente. Questa è la zona del nostro corpo dove avviene la trasformazione.

Eruzioni cutanee e problemi gastrici

Acne, eruzioni cutanee, orticaria, problemi gastrointestinali, ecc solitamente arrivano quando attraversiamo il processo di spurgo e di regolazione di un energia più elevata. Le eruzioni cutanee sono abbastanza comuni e possono durare per settimane o addirittura mesi. In questa fase bisogna cura attentamente l'alimentazione.
Il corpo sta attraversando un intenso cambiamento e non può gestire cibi pesanti che sono difficili da digerire.

Fitte al cuore e palpitazioni

Il cuore sta cercando di ospitare una nuova e più alta frequenza. A volte si può provare la sensazione simile ad un attacco di cuore. Quando questo accade, è importante non allarmarsi, anzi è fondamentale rilassarsi perché qualsiasi sforzo o preoccupazione può peggiorare i sintomi. A volte si può anche sentire come se il cuore smettesse di battere per un secondo. 

Periodi di sonnolenza continua

Quando l'energia non è in movimento e abbiamo attraversato una fase transitoria, si arriva ad uno stato di quiete. Ci stiamo preparando per la prossima fase di intensa energia.
In questo periodo di calma diventiamo letargici. E' quasi impossibile tenere le palpebre aperte nelle ore diurne e il sonnellino può diventare un'abitudine regolare e necessaria.

Vivere alti e bassi emotivi

Le nostre emozioni riescono a trasportare l'energia. Quando siamo o felici o tristi emaniamo molta energia. In questa fase di elevata sensibilità basta poco per farci piangere o ridere, un film, un gesto gentile, quando ci sentiamo sollevati, quando vediamo la sofferenza altrui. Le lacrime sono un metodo di purificazione.

Sudorazioni notturne e vampate di calore

In certi momenti la temperatura del corpo aumenta senza alcun motivo apparente. Questo accade quando il vostro Sé Superiore si muove per qualche ragione. Questa energia è molto più densa e perciò sentirete un calore più intenso.

Sensazione di freddo con l'incapacità di scaldarsi

Ciò avviene perché viviamo ad una temperatura interna troppo bassa, e nei processi di trasformazione bruciamo gran parte del nostro calore. Per ristabilire la giusta temperatura è necessaria una tecnica di respirazione particolare chiamata kapalabhati.

Sogni lucidi e viaggi astrali

Attraverso i nostri sogni liberiamo molte energie di bassa vibrazione. Alcuni riescono a rilasciare gran quantità di energie negative durante la notte. Queste persone sono fortunate, perché possono evitare gli effetti collaterali rispetto a quelli che ci riescono solo quando sono svegli. Molti sogni di solito non hanno senso, ma se siete bravi ad analizzarli è possibile carpire molte più informazioni che da svegli.
I sogni lucidi e i viaggi astrali usufruiscono dell'energia che deve essere liberata. Attraverso questo processo stiamo rilasciando tutta l'energia negativa che abbiamo accumulato nel corso della vita.

Vertigini e perdita di equilibrio

Ciò accade quando la nostra Merkabah si sta formando. La Merkabah è il veicolo di trasporto del corpo di luce. Si tratta di un cubo tridimensionale che ruota e gira.
Durante la sua formazione si possono avvertire capogiri e vertigini, ciò avviene quando il cubo si sintonizza con la vostra energia.

Vari dolori del corpo e giorni di estrema stanchezza

I nostri corpi stanno accumulando energia superiore più densa e questo è il motivo per cui si riscontrano questi sintomi.
L'energia ad alta densità può farti sentire come se le ossa si stessero frantumando e i muscoli fanno male come se aveste corso una maratona.

Allucinazioni, prurito agli occhi e visione offuscata

Gli occhi si stanno adeguando per vedere una nuova e maggiore densità di energia. Quando questa regolazione è stata completata la vostra visione sarà nitida e chiara, ed i colori assumeranno una brillantezza mai vista prima.

Perdita di memoria 

In tanti stanno accusando questo sintomo. A volte non si è in grado di ricordare qualcosa perché non si può accedere momentaneamente a gran parte dei ricordi. In questo caso si sta andando avanti e indietro tra le dimensioni ancora scollegate tra loro.
Un altro evento in qualche modo correlato è quando si sta cercando di scrivere e le lettere si fanno confuse e nell'ordine sbagliato. In questo caso, non siamo allineati con il tempo e il nostro flusso energetico è scollegato, parte della nostra energia è qui e contemporaneamente da un altra parte.

Sensazione di disorientamento

"Dove sono io nel mondo? Non faccio parte di nulla e niente sembra andarmi bene o farmi sentire nel posto giusto! E io non so a cosa appartengo o dove sto andando o che cosa dovrei fare dove mi trovo adesso!” Avete mai avuto questa conversazione con l'Universo? Ciò avviene perché sei stato estirpato dal tuo vecchio "io" da uno spostamento di energia e ti trovi tra due realtà. Hai dimenticato dov'eri e chi eri e sei in un nuovo spazio, ma non sei ancora totalmente integrato.

Perdita di identità e sentirsi "fuori dal corpo"

Improvvisamente ti guardi allo specchio e hai una strana sensazione di disconnessione come se non riconoscessi più la tua immagine. Ti senti quasi fuori dal corpo. Una volta che si verifica questo fenomeno non si conclude mai. Hai rilasciato così tanto del tuo ego, che non sei più la stessa persona, e non hai altro che un attaccamento minimo al tuo veicolo fisico.

Vedere e udire "cose"

Possiamo ora accedere a diverse dimensioni abbastanza facilmente, è comune a molti vedere le cose con la coda degli occhi o sentire qualcosa nel silenzio assoluto. Molti sperimentano anche un ronzio nelle orecchie, che è sintomo di accesso a una dimensione superiore. A seconda delle diverse sensibilità, questo può essere un'esperienza comune. Molti possono anche vedere sfere e  macchie di vari colori.

Sensazione di impazzire

Stiamo rapidamente sperimentando altre dimensioni non essendo però abituati a tutto questo. La nostra consapevolezza è stata intensificata e le nostre barriere sono crollate. Questo passerà e si finirà per sentirsi davvero a casa.

Intolleranza

Un'intolleranza verso cose di bassa vibrazione, che si riflette nelle conversazioni, atteggiamenti, strutture sociali, ecc, che letteralmente ti fanno sentire "malato" dentro.
Quando cominciamo ad aver accesso ai mondi superiori e ad una vibrazione più elevata, le nostre energie non sono più in linea con il vecchio mondo.
Attraverso l'intolleranza al vecchio si viene “spinti” ad andare avanti per creare il nuovo.
Inoltre, si può sentire di essere soli, perché gran parte di tutto ciò che c'è “là fuori” non corrisponde più alla vibrazione più elevata che c'è in noi. Questa è semplicemente un'esperienza molto comune di evoluzione. 
E' simile a quando si “torna indietro” dopo aver avuto un'esperienza di pre-morte. Chi ha sperimentato questa sensazione troverà questa realtà obsoleta e vuota.

Non aver voglia di fare nulla

Sei in un periodo di riposo, di riavvio. Il tuo corpo sa di che cosa ha bisogno. Durante questo periodo ti puoi sentire come se avessi perso la passione e la gioia e di non sapere cosa volete fare della vostra vita. Questa fase si verifica quando ci stiamo riallineando

Un desiderio di tornare a casa, come se non si appartenesse più a questo mondo

Abbiamo raggiunto una tale consapevolezza da accorgerci di far parte non solo di questo pianeta ma dell'intero universo. Abbiamo ottenuto questo attraverso la trasmutazione delle energie dentro di noi.

Cambiamenti improvvisi di amici, attività, abitudini, lavoro e residenza

Una delle esperienze fondamentali e prevalenti nei regni superiori comporta la legge di attrazione.  Finiremo per attrarre e saremo attratti da vibrazioni ed energie simili alle nostre

Impossibilità assoluta a fare certe cose

Quando provi a svolgere le normali attività di routine, ti senti assolutamente male. Temi banali come la politica, l'economia, il denaro, il gossip non rispecchiano più il tuo stato vibrazione, che essendo molto più elevato ha bisogno di nutrirsi di esperienze più alte.

Svegliarsi di notte tra il 2 e 04:00

Quando ci risvegliamo nel bel mezzo della notte siamo non solo in una maggiore consapevolezza, ma siamo anche in uno stato altamente creativo. In questo stato, la nostra capacità di trasformare i nostri pensieri in realtà è notevolmente aumentato.
La sfida è quella di prendere coscienza di ciò che stiamo pensando, e quindi ciò che stiamo creando.

Accresciuta sensibilità per l'ambiente circostante

La luce intensa, i rumori, le altre voci umane e vari altri stimoli sono a malapena tollerabile. Tutti questi suoni hanno frequenze diverse rispetto al vostro nuovo stato vibrazionale e risultano fastidiose.

Voci o ronzio nelle orecchie

Questo sintomo non è da confondere con l'acufene. L'udito diventa più sensibile alle diverse vibrazioni e frequenze non percettibili all'orecchio dell'uomo comune

In conclusione

Tutti questi cambiamenti sono interpretati dai nostri sensi fisici e può sembrare che escano fuori dal nulla e per nessun motivo.
Ci sono differenze e sfumature nel modo in cui questi cambiamenti si manifestano, ciò varia da persona a persona.
Siamo cosi "programmati" e condizionati che ogni volta che qualcosa di strano accade al nostro corpo ci preoccupiamo esageratamente.
Quando sperimentiamo qualcosa di straordinario, come visioni, sogni lucidi o udiamo qualcosa di strano pensiamo subito che c'è qualcosa che non va in noi. Dobbiamo invece convincersi che ciò costituisce il normale iter di cambiando.
Ma a cosa più importante da ricordare è quella di allontanare la paura, chiedere consiglio e rassicurazione alla nostra parte più interna e trovare il coraggio di completare il cambiamento e di trasmutarci.

sabato 15 aprile 2017

Il mondo virtuale

Il nostro universo potrebbe essere una simulazione per computer come nel film The Matrix. Ogni rapporto, ogni sentimento, ogni ricordo potrebbe essere stato generato dalle banche dati di computer. Tutto ciò che avete sempre fatto o farete potrebbe semplicemente essere il prodotto di un codice di calcolo altamente avanzato.
Questa è la teoria terrificante proposta dal filosofo britannico Nick Bostrom.
L'ipotesi scioccante è stata scritta quattro anni dopo che Andrea e Lana Wachowski hanno scritto e diretto The Matrix, un film ambientato in un futuro dispotico in cui gli esseri umani sono soggiogati da una realtà simulata.
Nel suo articolo, il dottor Bostrom ha suggerito che una razza umana o aliena estremamente evoluta potrebbe aver creato la nostra prigione digitale.
Questi esseri superiori potrebbero vivere nel futuro ed utilizzare la realtà virtuale per simulare un momento del passato o ricreare le condizioni di vita dei loro lontani antenati.
Può sembrare folle eppure la NASA pensa che il Dr Bostrom potrebbe avere ragione.
Rich Terrile, direttore del centro per il calcolo evolutivo e disegno automatizzato presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, ha parlato sull'argomento della simulazione digitale:
“In questo momento il più veloce supercomputer della NASA viaggia a circa il doppio della velocità del cervello umano”, ha detto lo scienziato della NASA.
“Se si fa un semplice calcolo utilizzando la Legge di Moore (che sostiene che i computer raddoppiano di potenza ogni due anni), vi accorgerete che questi supercomputer, nell'arco temporale di un decennio, avranno la possibilità di calcolare la vita intera di uomo di 80 anni, compreso ogni suo pensiero concepito durante la sua vita, nel giro di un mese.
Ha poi aggiunto: “Nella meccanica quantistica, le particelle non hanno uno stato definito. Molti teorici hanno speso un sacco di tempo a cercare di capire come si spiega questo. Una spiegazione è che stiamo vivendo all'interno di una simulazione, e vediamo ciò che abbiamo bisogno di vedere quando ne abbiamo bisogno“.
L'idea che il nostro Universo è una finzione generata dal codice di calcolo risolve una serie di incongruenze e misteri del cosmo.
Il fisico Enrico Fermi notò queste discrepanze. Il paradosso di Fermi, proposto dal fisico nel 1960, mette in evidenza la contraddizione tra l'elevata probabilità apparente di civiltà extraterrestri all'interno del nostro universo in continua espansione e la mancanza di contatti con questi esseri, o la mancanza di prove di queste civiltà aliene.
Potrebbe semplicemente essere che la Terra e l'umanità siano veramente il centro dell'universo. Un altro mistero spiegato dalla teoria del dottor Bostrom è il ruolo della materia oscura.
Il cosmologo teorico Michael Turner ha definito questa materia ipotetica “il mistero più profondo in tutta la scienza”.
L'esistenza della materia oscura è una delle ipotesi utilizzate per spiegare una serie di anomalie nel modello standard.
Il modello standard della fisica delle particelle ci dice che ci sono 17 particelle fondamentali che compongono la materia atomica.
Gli scienziati sperano di dimostrare l'esistenza della materia oscura all'interno dell'acceleratore del CERN di Ginevra.
Il bosone di Higgs, che è stato teorizzato dagli scienziati nel corso del 1960, è un obiettivo fondamentale della loro ricerca. Nel 2012 gli scienziati del CERN hanno osservato ciò che si crede sia la fantomatica “particella di Dio”.
Ma il modello standard non è ancora in grado di spiegare una serie di proprietà sconcertanti dell'universo, tra cui il fatto che l'universo si sta espandendo ad una velocità sempre crescente.
Si ipotizza che la materia oscura sia la struttura che lega insieme tutta la materia visibile.
Qualora esistesse non spiegherebbe però il motivo per cui le galassie ruotano alla velocità attualmente misurata. Questo è qualcosa che rimane ancora inspiegabile se ci basiamo su ciò che possiamo osservare.
Il modello standard poi non è ancora in possesso di una spiegazione per la forza di gravità.
L'esistenza non ancora provata della materia oscura potrebbe essere spiegata da un universo virtuale.
Ma non tutti sono convinti dell'esistenza di una "Matrix" per spiegare la realtà e le leggi del cosmo.
Il professor Peter Millican, che insegna filosofia e scienze informatiche all'Università di Oxford, pensa che la spiegazione della realtà virtuale è fallace:
“La teoria sembra essere basata sul presupposto che "super-menti" avrebbero fatto le cose più o meno allo stesso modo in cui le avremmo fatte noi”, ha detto.
“Se ipotizziamo che questo mondo è una simulazione, allora perché crediamo che le super-menti che si trovano al di fuori della simulazione hanno gli stessi tipi di pensieri e usano gli stessi metodi che usiamo noi? Alcuni teorici hanno supposto che la struttura finale di un mondo reale non può che essere una griglia, e anche che le super-menti avrebbero dovuto implementare un mondo virtuale utilizzando griglie. Non possiamo concludere che una struttura a griglia è la prova di una realtà fittizia solo perché i nostri modi di attuazione di una realtà virtuale implicano una griglia”.
Il professor Millican tuttavia crede che valga la pena indagare su queste ipotesi:
“E' un'idea interessante, ed è giusto a volte avere alcune idee folli”, ha detto al Telegraph.
“Non si possono censurare le idee a seconda che sembrano coerenti coi modelli standard o meno, perché spesso nuovi importanti progressi scientifici provengono da idee che inizialmente sembrano folli. A volte le buone idee possono provenire dal pensare fuori dagli schemi. Questa teoria della matrice e del mondo virtuale somiglia un po ad alcune idee di Cartesio e di Berkeley, elaborate centinaia di anni fa". 

venerdì 14 aprile 2017

Le regole per essere umani

Quando nasciamo non veniamo al mondo con un manuale che ci insegni l'arte di vivere. Eppure nel corso dell'esistenza avvertiamo la necessità di avere delle linee guida che ci rendano la vita migliore.
Le religioni e le filosofie hanno tentato di colmare questa lacuna, stilando una serie di comandamenti, regole, consigli e aforismi per far progredire l'umanità. Tra queste serie di norme degne di nota sono le regole riscoperte dalla dottoressa e life coach Chérie Carter-Scott. Queste dieci "norme" trasmettono una saggezza universale che, una volta compresa e abbracciata, può contribuire a migliorare la propria vita e le relazioni interpersonali. Così autentiche e chiare, le "regole per essere umani" sono delle lezioni che tutti hanno bisogno di imparare. Scritte originariamente in sanscrito antico, queste regole sono state enunciate molte migliaia di anni fa, ma sono ancora altrettanto valide oggi.

Regola 1: Riceverai un corpo

Sia che lo si ama o lo si odia, il tuo corpo è tuo per tutta la vita. Fai in modo da accettarlo. Quello che conta è quello che c'è dentro.

Regola 2: Riceverai lezioni

La vita è un'esperienza di apprendimento costante, ogni giorno fornisce nuove opportunità per imparare qualcosa in più. Queste lezioni una volta apprese "sono la chiave per scoprire e comprendere il significato e l'importanza della tua vita".

Regola 3: Non ci sono errori, solo lezioni

Il tuo sviluppo verso la saggezza è un processo di sperimentazione, prove ed errori, quindi è inevitabile che le cose non sempre vadano come si vorrebbe. La compassione è il rimedio per il severo giudizio su noi stessi e gli altri. Il perdono è anche "l'atto di cancellare un debito emozionale". Comportarsi eticamente, con integrità e con umorismo, in particolare la capacità di ridere di sé stessi e delle proprie disavventure, sono peculiarità fondamentali per entrare nella prospettiva che gli "errori" sono semplicemente lezioni che dobbiamo imparare.

Regola 4: La lezione viene ripetuta fino a quando la impari

Le lezioni si ripetono fino a quando non le avrai imparate. Quelle che si manifestano come problemi e sfide, irritazioni e frustrazioni sono lezioni, che si ripeteranno fino a quando non le vedrai come tali e impari qualcosa da esse. La consapevolezza e la capacità di cambiare sono requisiti per l'esecuzione di questa regola. Inoltre fondamentale è l'accettazione del fatto che non siamo una vittima del destino o delle circostanze, la "causalità" deve essere riconosciuta come generante di un effetto. Vale a dire: le cose accadono a causa di come siete e quello che fate. Non bisogna incolpare nessuno o qualsiasi altra cosa per  le avversità. Non bisogna fuggire e negare le proprie responsabilità; noi stessi siamo responsabili per noi, e per quello che ci accade. La pazienza è una virtù richiesta per questa regola, il cambiamento non avviene durante una notte, ma ha bisogno di tempo manifestarsi.

Regola 5: L'apprendimento non finisce

Mentre si è in vita ci sono sempre lezioni da imparare. Abbandonati al "ritmo della vita", senza lottare contro di esso. Bisogna impegnarsi per un processo di apprendimento continuo e di cambiamento, è necessario perciò essere abbastanza umili da riconoscere sempre i propri punti deboli e limiti, ed essere sufficientemente flessibili, perché la rigidità mentale non permette la libertà di sperimentare nuove possibilità.

Regola 6: “Là” non è migliore di “qui”

L'altro lato della collina può essere più verde del proprio, ma non esiste una chiave per una felicità senza limiti. Siate grati per ciò che avete, e per dove siete arrivati nel vostro cammino. Apprezzate l'abbondanza di quel che di buono è presente nella vostra vita, piuttosto che lamentarvi di ciò che non avete, ed accumulare cose che in realtà non portano alla felicità. Vivere nel presente aiuta a raggiungere la pace interiore.

Regola 7: Gli altri sono solo specchi di te

Si ama o si odia qualcosa di un'altra persona in base a come ci si sente dentro di sé. Sii tollerante, accetta gli altri come sono, e sforzati di raggiungere chiarezza e consapevolezza dentro di te; sforzati di capire veramente e percepire oggettivamente i tuoi pensieri e sentimenti. Le esperienze negative sono opportunità per migliorarsi. Supporta gli altri, e così facendo sostieni te stesso.

Regola 8: Cosa fai della tua vita dipende da te

Hai tutti gli strumenti e le risorse necessarie. Come le usi dipende solo da te. E' necessario assumersi la propria responsabilità. Impara a lasciar correre quando non è possibile cambiare le cose, senza arrabbiarti e rimuginare, i ricordi amari ingombrano la mente. Il coraggio risiede in ognuno di noi, usalo quando hai bisogno di fare ciò che è giusto per te. Tutti noi possediamo un forte potere naturale e uno spirito coraggioso. A queste energie si dovrebbe attingere per andare incontro a quello che ci aspetta.

Regola 9: Le risposte si trovano dentro di te

Fidati del tuo istinto e dei tuoi sentimenti più intimi, sia che li si senti come una "voce interiore" che come ispirazione. Ascolta i sentimenti così come si ascoltano i suoni. Guarda, ascolta, e abbi fiducia in te.

Regola 10: Si dimentica tutto questo al momento della nascita

Queste regole sono scritte dentro di noi, nella nostra anima, ma al momento della nascita le dimentichiamo. E' possibile riscoprirle scrutando dentro la propria coscienza.