Le stanze di Dzyan

Le “Stanze di Dzyan” sono un antichissimo testo orientale. Di esse se ne parla per la prima volta in occidente per opera di Helena Petrovna Blavatsky, fondatrice della Società Teosofica, che riporta il risultato dei suoi studi nel commentario facente parte della sua opera “La Dottrina Segreta”. Le “Stanze di Dzyan” si compongono di due parti: “Evoluzione Cosmica” e “Antropogenesi”. Nella prima parte viene descritta la storia dell’Universo, dalle sue origini alla formazione della materia. Nella seconda viene trattata l’origine dell’uomo e la sua evoluzione fino alla catastrofe che avrebbe distrutto l’Atlantide. Il testo è diviso in “Stanze”, o Capitoli, così chiamate perché, secondo la dottrina orientale, alla conoscenza dell’Universo si può giungere mediante la consultazione del “libro dell’Akasha”. Questa rappresenta la base sulla quale poggia il tessuto spazio-temporale sul quale è costruito l’Universo. In essa rimangono impressi, come su di un nastro magnetico, tutti gli avvenimenti che lo hanno caratterizzato fin dalla sua origine. Il pensiero orientale ha diviso questa era in diversi periodi, ai quali ha dato il nome di Stanze, quasi fossero le stanze di una immensa biblioteca cosmica, alle quali può accedere chi, durante la meditazione, raggiunge l’illuminazione che gli permette di raggiungere più elevati gradi di coscienza. La parola Dzyan invece ha la sua derivazione dal termine DZYU, il Pensiero Divino attraverso cui prende forma ogni manifestazione, o anche l’Energia primordiale della formazione che ha dato forma e sostanza alla materia. Ciò che deriva da questa energia è “Dzyan”, ovvero la Creazione. Quindi “Le Stanze di Dzyan” si potrebbe semplicemente tradurre come: “I Capitoli della Creazione”. Il testo originale de “Le Stanze”, secondo quanto afferma nel suo testo la Blavatsky, è conservato in un luogo segreto del Tibet ed era già considerato antico quando era antico l’uomo. Rare copie scritte in sanscrito ne ha potute reperire in alcuni luoghi sacri dell’India, alle quali la ricercatrice è riuscita ad accedere. La versione che viene qui presentata è la traduzione che è riportata nel citato testo “La Dottrina Segreta”. Esso quindi è la traduzione italiana di un testo inglese tratto dal testo sanscrito. Necessari passaggi per rendere il testo comprensibile al lettore italiano. Naturalmente sono inevitabili, come in ogni passaggio del genere, delle interpretazioni del testo originale fatte dal traduttore per rendere il testo comprensibile. Ciò ha quindi portato, come per altre interpretazioni di Testi Sacri, ad una versione che sarà quantitativamente diversa da quella originale (conservata in Tibet), ma d’altronde ciò è inevitabile per rendere il Testo accessibile. Voglio sperare che i successivi passaggi si siano mantenuti il più possibile fedeli ai precedenti e quindi al testo originale. La Blavatsky, nel suo commentario, ha voluto rendere il testo nel suo significato più esoterico, quindi quello più nascosto e meno comprensibile ai molti. I riferimenti e gli allacciamenti che essa può aver fatto con la scienza, vanno riferiti alla conoscenza scientifica dell’epoca cui la scrittrice apparteneva, quindi la seconda metà dell’ottocento. Visto il progresso che il pensiero scientifico ha avuto da allora, si è reso per conto mio necessario rivedere il Testo da un ottica più moderna. E’ stato così possibile ritrovare interessanti allacciamenti con le più moderne teorie sull’origine dell’Universo. E’ altresì descritto come trovi il suo posto in questo contesto evolutivo anche una componente spirituale, che sta alla base della formazione della materia, come predicato da varie religioni. Quanto esposto nella prima parte del mio lavoro, che riguarda la nascita e lo sviluppo dell’Universo, già potrebbe essere sufficiente a dimostrare l'antica saggezza di una Razza ormai scomparsa che era giunta a conoscenze alle quali siamo potuti accedere solo con le più moderne ricerche nel campo delle origini. E’ quindi, a mio avviso, un interessante ed unico punto d’unione fra scienza e fede. Forse retaggio di una cultura che ha preceduto l’uomo storico, così come conosciuto, e che aveva delle conoscenze più elevate di quanto i nostri attuali studi ci possano far supporre.

Antropogenesi

In questa seconda parte de "Le Stanze" seguiremo l'evoluzione del nostro sistema planetario e della vita sul nostro pianeta fino all'avvento dell'uomo. La storia è narrata, similmente all'Evoluzione Cosmica, secondo una terminologia occulta e con l'uso di numerosi termini d'origine orientale. Vedremo come ancora si faccia riferimento ad entità superiori (siano esse fisiche che spirituali), che hanno in un certo qual modo guidato l'evoluzione sul pianeta. Gli allacciamenti con quanto riscontrato dall'odierna ricerca scientifica sono rari e frammentari, ma ci possono in ogni modo dare una traccia concreta e comprovata sulla quale stendere un filo conduttore della storia. Si potranno, infatti, trovare riferimenti alla teoria nebulare sull'origine del Sistema Solare e sull'origine della Terra, mentre per quanto riguarda l'origine e lo sviluppo della Razza umana, ci si discosta notevolmente da quanto affermato dalla paleontologia ufficiale, potendovi trovare solo saltuari allacciamenti. Si può trovare nel Testo una incidente componente spirituale che, similmente a com’è avvenuto per il precedente Commento, guida e dirige le energie cosmiche preposte all'aggregazione ed alla formazione della materia. Tutto è visto come un discorso consequenziale ed olistico, una progressione d'energie tra loro collegate, per cui l'energia primordiale, generata nel caos, ha bisogno di un elemento che la diriga, circoscrivendone l'espansione caotica per creare la forma. Quest'elemento è governato, secondo quanto detto nelle Stanze, da Entità Spirituali. Questo è un procedimento che si è attuato e s'attua tuttora per tutti i mondi che compongono l'Universo, anche se la narrazione viene in seguito circoscritta al solo nostro ambito planetario. La narrazione prosegue, narrando i vari stadi evolutivi della Razza umana, attraverso le quattro Razze Madri che sono esistite prima della nostra attuale e fino alla distruzione che ha messo fine al predominio della Quarta Razza con la fine d’Atlantide. Giungiamo quindi alla nostra Quinta Razza Madre, la cui storia ci è in parte nota.

Nessun commento:

Posta un commento